9 Dicembre 2022

Training Cannabis: Dagli USA, Nuovi Studi

training e cannabis

Training Cannabis:

quanto può influire l’effetto delle varietà di marijuana sull’allenamento di atleti e sportivi?

 A rivelarlo sono i recenti studi condotti negli USA che testano gli effetti della marijuana su ultramaratoneti che coprono fino a 100 miglia a settimana durante il picco di allenamento.

Cosa può rendere più piacevole una sessione di training? Ascoltare podcast e audiolibri, ammirare il paesaggio che si attraversa e la bellezza naturale e quando la voglia viene meno a metà corsa, si mette in bocca una caramella gommosa alla marijuana.

Heather Mashhoodi, ultramaratoneta, sottoposta a dei test clinici sull’effetto della cannabis sul training ci fa sapere:

“Quando corro per molto tempo, questa cosa entra in gioco in modo naturale e rende i colori più luminosi, rende i miei pensieri più chiari e mi rende più in sintonia emotivamente”, afferma Mashhoodi, 31 anni. “Quando uso cannabis e corro, sento i chilometri leggermente meno intensi”.

Mashhoodi è tra gli sportivi a favore del consumo di erba per migliorare le performance e gli allenamenti, la cannabis aiuta a stimolare la motivazione, facilitare il recupero o trovare meno noioso il training.

caramelle cannabis

Prima del crescente interesse sugli effetti benefici di tetraidrocannabinolo (THC) e il cannabidiolo (CBD), i due principi attivi principali della marijuana, gli scienziato non avevano idea su come tali composti potessero influenzare l’attività fisica. Ma in seguito alla sospensione olimpica del velocista Sha’Carri Richardson per essere risultato positivo alla marijuana (una sostanza vietata dalle regole dell’Agenzia mondiale antidoping), sono cresciuti i test e le ricerche cliniche, per capire se la cannabis migliora o ostacola le prestazioni.

Un nuovo studio unico nel suo genere presso CU Boulder mira a fare luce su training Cannabis e prestazione atletica.

“Ad oggi, non ci sono studi umani sugli effetti del mercato legale della cannabis sull’esperienza dell’esercizio”, ha affermato Laurel Gibson, studentessa di dottorato presso il Dipartimento di Psicologia e Neuroscienze e ricercatrice principale dello studio. “È qui che entriamo in gioco.”

Cannabis Training: Test sulla corsa all’interno sotto effetto di marijuana

Lo studio SPACE (Studio sull’attività fisica e gli effetti della cannabis) ha condotto degli studi, prendendo in esame 50 sportivi volontari, pagati per utilizzare cannabis durante il loro allenamento. Lo studio è stato suddiviso in tre sessioni.

Durante la prima, i ricercatori si sono impegnati a misurare la frequenza cardiaca. I soggetti sono stati invitati a rispondere a un questionario. Tutti i partecipanti in seguito vengono invitati a scegliere una varietà di marijuana ad alto contenuto di CBD o un ceppo di cannabis ad alto contenuto di THC.

Il secondo step prevede che inizino una corsa di 30 minuti, rispondendo a domande ogni 10 minuti, per valutare il progredire del loro stato di percezione col passare del tempo. Si chiede loro quanto diventi difficile l’allenamento, a cosa stanno pensando e quanto dolore stanno provando. Nella terza sessione gli si chiede di ripetere l’operazione, stavolta sotto effetto della marijuana scelta.

In seguito, Gibson e i suoi colleghi cercano di confrontare i risultati tra le sessioni di allenamento senza assunzione di marijuana e i training cannabis

“La cannabis è spesso associata a una diminuzione della motivazione, quello stereotipo del blocco del divano e della pigrizia”, ​​ha affermato Gibson. “Ma allo stesso tempo, stiamo assistendo a un numero crescente di segnalazioni aneddotiche di persone che lo usano in combinazione con qualsiasi cosa, dal golf e dallo yoga allo snowboard e alla corsa”.

In attesa dei risultati conclusivi, Heather Mashhoodi ha ammesso che sotto effetto della cannabis non corre più veloce o più lontano, tuttavia, sente meno dolori articolari e, psicologicamente avverte più entusiasmo, i benefici sono evidenti.

“Per me è semplicemente eccitante partecipare ad un test sul training cannabis”, ha detto Mashhoodi. “Sappiamo così poco e c’è così tanto che dobbiamo imparare”.


Uno altro studio di CU Boulder ha rilevato che l’ 80% dei consumatori sportivi, utilizza la marijuana prima e durante l’allenamento. Di questi, il 70% avverte un aumento dell’entusiasmo, il 78% avverte benefici durante il recupero e il 52% viene motivato. Un altro studio parallelo sugli anziani ha scoperto che coloro che facevano uso di marijuana erano motivati a fare più esercizio rispetto a quelli che non lo facevano.

“Man mano che invecchiamo, l’esercizio inizia a far male, e questa è una delle ragioni per cui gli anziani non si esercitano così tanto”, ha detto Angela Bryan, professoressa di psicologia e neuroscienze e consulente di facoltà di Gibson per lo studio SPACE, osservando che i cannabinoidi hanno anti -proprietà infiammatorie e analgesiche. “Se la cannabis potesse alleviare il dolore e l’infiammazione, aiutando gli anziani a essere più attivi, questo potrebbe essere un vero vantaggio”.

In definitiva, i risultati attuali sembrano incoraggianti, ma bisognerà attendere l’esito finale dello studio per confermare i benefici della marijuana sull’allenamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.